Blog Fullwidth

A Web page that serves as a publicly accessible personal journal for an individual. Typically updated daily, blogs often reflect the personality of the author.

Benedici il Signore, anima mia, non dimenticare nessuna delle sue benedizioni

Pubblicato il: martedì 7 Marzo 2023

Con le parole del salmista noi Suore Missionarie dell’Incarnazione, abbiamo espresso a Dio, in questo 19 febbraio 2023, la nostra viva riconoscenza alla Serva di Dio Carla Borgheri, attraverso la Celebrazione eucaristica che ricorda l’apertura ufficiale del processo di Beatificazione e Canonizzazione e la chiusura del centenario della sua nascita, il 25° anniversario della nostra presenza in Costa d’Avorio.

La bontà e la misericordia del Signore verso la nostra Congregazione non hanno avuto limiti!

Con i nostri fratelli e sorelle della parrocchia di Saint Marcel d’Akouai Santai, abbiamo gioito al ritmo della fanfara e cantato per dire grazie al Signore per la vita della tua Serva; ella ci mostra che avere una vita di santità quaggiù sulla terra è possibile, a condizione che diamo la nostra vita a Cristo anche a prezzo di sacrifici per annunciare il vangelo.

Concluso l’anno giubilare in memoria della Serva di Dio Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: martedì 28 Febbraio 2023

Il 26 febbraio, nel santuario di Oria dedicato ai Santi Medici,  la Comunità delle Suore Missionarie dell’Incarnazione ha concluso l’Anno Giubilare del centenario della nascita di Madre Carla Borgheri, ed ha rappresentato un momento di riflessione e di ispirazione per tutti i partecipanti. Come ha ricordato S.E. mons. Pisanello: “Molte volte abbiamo la tentazione di pensare che la santità sia riservata a coloro che hanno la possibilità di mantenere le distanze dalle occupazioni ordinarie, per dedicare molto tempo alla preghiera. Non è così …Tutti siamo chiamati ad essere santi vivendo con amore e offrendo ciascuno la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni giorno, lì dove si trova”.

Personalmente ringrazio la divina provvidenza per il dono di Madre Carla…il Signore ci dona gli strumenti…facciamone tesoro! Tutti possiamo essere santi a immagine e somiglianza di Dio. Siamo come nani sulle spalle di giganti, possiamo vedere più lontano in virtù del lascito di coloro che ci hanno preceduto nella Fede. Il cammino che conduce alla Santità è alla portata di tutti, grazie all’esempio di figure come Madre Carla, a noi resta il compito di preservarne il ricordo e seguirne l’esempio. E, proprio per questo, al termine della messa, lo stesso presule, insieme alle consorelle ed ai fedeli nella sala ex voto,  ha scoperto una targa a perpetuo ricordo dell’evento. Il tutto si è concluso con momenti di fraternità, convivialità e meditazione…L’auspicio sia che la chiusura dell’anno giubilare, nel santuario di Oria, alla presenza di monsignor Vincenzo Pisanello, possa essere un ulteriore gradino del cammino che conduce alla santità, “il perché della nostra vita”.

La Scuola dell’Infanzia Paritaria “Sacro Cuore” partecipa alla Va Edizione del Carnevale

Pubblicato il: lunedì 20 Febbraio 2023

 “Il Creato è casa comune ambiente di vita e non semplice oggetto da usare e sfruttare” – sono le parole di Papa Francesco protagoniste del carro allegorico che ha sfilato per le vie di Salice Salentino in occasione della Va Edizione del Carnevale Salicese che si è svolta domenica 12 febbraio 2023. Alla manifestazione, organizzata dal Comune in collaborazione con l’Associazione Smile, ha partecipato il nostro Istituto Scolastico, la Scuola dell’Infanzia Paritaria “Sacro Cuore”, con un carro che ha voluto lanciare il messaggio per il rispetto dell’ambiente in continuità con quello che è il progetto educativo previsto per questo anno scolastico.

Associazioni, gruppi e scuole nel territorio hanno preso patte alla gran sfilata di maschere, carri e gruppi mascherati; allegria, gioia, spensieratezza e voglia di stare insieme sono stati i sentimenti che hanno animato non solo la sfilata di domenica ma anche le giornate precedenti alla manifestazione.

Tante mamme e papà, ma anche nonne e zie, tutti impegnati a curare ogni dettaglio per la realizzazione del carro, dei vestiti a tema per i bambini ma anche per i genitori che si sono messi in gioco in una giornata che rimarrà nei cuori e nei ricordi di tutti noi.

Quando c’è la collaborazione di tutti si possono fare grandi cose: donare il proprio tempo e mettere a disposizione degli altri le proprie abilità è la massima espressione dell’amore per la comunità.

Sono stati giorni ricchi di emozioni, il tempo a disposizione era poco ma la tenacia e l’impegno di tutti hanno consentito la buona riuscita dell’iniziativa – dice una mamma – ringraziamo la nostre Suore per averci consentito di realizzare il carro e le maschere per il Carnevale mettendo a disposizione i lori spazi, la loro cortesia e infinita pazienza. Anche in queste occasioni si dimostrano esempi di vita e affidare i nostri bambini a loro rimane per noi un privilegio.”

La nostra Scuola non poteva mancare all’invito dell’Amministrazione di partecipare al Carnevale, la festa del divertimento per antonomasia. Un sentito ringraziamento va alle rappresentanti di Classe e di Istituto che anche questa volta hanno dato il massimo per la buona riuscita dell’iniziativa” – dicevano le suore – e ancora – “come Scuola vogliamo ringraziare i genitori e tutti coloro che hanno collaborato alla realizzazione del carro perché hanno saputo fare di una semplice idea una grande iniziativa che ci ha reso orgogliose. La nostra Scuola è una realtà ben radicata nel comune di Salice Salentino ed è sempre attenta a partecipare ad ogni proposta che contribuisce alla crescita emotiva e socio educativa dei nostri bambini e delle loro famiglie.

 

Happy New Year (Chúc Mừng Năm Mới)

Pubblicato il: sabato 18 Febbraio 2023

Lunar New Year is called Tết in Vietnam, and it is the biggest traditional festival in the country. Tết usually occurs from the end of January to early February, according to our lunar calendar. We have 12 animals that are the symbol for the year, with each year represented by a different animal. This year, the symbol is the CAT. This is also a precious time when all the members of the family can gather together.

New Year is a symbol of newness, which is why before Tết, the Vietnamese prepare for the three main days. They clean their house and decorate it with flowers such as the kumquat tree and peach blossom. A huge amount of food is bought before Tết to make traditional dishes such as bánh chưng, bánh giầy, and giò chả, as well as candies. After a year of busy working life, New Year’s Eve is the time for family members to sit together and share the things that have occurred throughout the year. Catholics usually gather in the churchyard with some small programs such as dancing around a campfire and Bible quizzes, and people will wait until midnight to burn fireworks and welcome the new year.

Tết is celebrated over three main days: the 1st, 2nd, and 3rd, with each day having a different intention based on our beliefs.

On the first day, we are all called to invite loving solidarity by gathering in the church for the celebration of the mass with the spirit of thanksgiving to God and asking God for the peace of all. As tradition, people make incense to worship their ancestors who have passed away. Then, the children come to wish their parents and grandparents a happy new year and wish them the best. The elders give lucky money to the children and the elderly parents. The day ends with a feast in each family.

On the second day, Christians dedicate it to remember and pray for their ancestors, grandparents, and those who are still alive or have passed away. In many places, parishes organize gift-giving during the mass, and people go to wish each other success in the new year.

On the third day, in the morning, people go to mass to offer and ask God to sanctify their work. They hope that the new year will be full of success and good results. Afterward, they go to wish their relatives and neighbors, and especially have meals with them in each family wherever they go. This expresses that we care for each other and are thankful.

In the spirit of the spring days, let each one of us give thanks to our loving God and entrust our life to God.

Happy New Year (Chúc Mừng Năm Mới)

 

Lode e ringraziamento a Dio nella parrocchia della Divina Pastora

Pubblicato il: sabato 18 Febbraio 2023

Un giorno molto importante per la comunità di Lipa (Filippine) è stato il 22 gennaio 2023, abbiamo celebrato una Messa di ringraziamento a Dio con l’apertura della Causa di Beatificazione e Canonizzazione della Serva di Dio, Madre Carla Borgheri, fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione e dei Padri Missionari dell’Incarnazione, avviata lo scorso 11 dicembre 2022 a Frascati, in Italia.

La solenne celebrazione è stata presieduta da Sua Eccellenza Mons. Gilbert A. Garcera, D.D., nella parrocchia della Divina Pastora e concelebrata da Fr. Jayson Sciapco, segretario del vescovo, da Fr. Godo Mendosa, parroco della parrocchia e da altri sacerdoti e diaconi della diocesi. La chiesa era gremita di tanti fedeli.

Durante l’omelia, l’Arcivescovo ha invitato tutti noi alla santità e ha ringraziato Dio per l’avvio della Causa di Madre Carla. Ha dato i suoi complimenti perché, in pochi anni dalla fondazione della Congregazione, è già avviata la causa. Questo è un grande dono per il futuro della Congregazione e dei suoi membri. Ha anche ringraziato la Congregazione per la nostra presenza nelle Filippine e per il servizio svolto nella sua diocesi, nella parrocchia e per la cura delle bambine che vivono con noi nella God’s Smile Home.

La mattinata si è conclusa con la visita dell’Arcivescovo e dei sacerdoti alla nostra comunità per condividere un momento di fraternità.

 

Cinquant’anni di fedeltà

Pubblicato il: sabato 18 Febbraio 2023

Care Sorelle Missionarie dell’Incarnazione,

Vi siamo molto grati per averci offerto la possibilità di realizzare la festa del cinquantesimo anniversario del nostro matrimonio. L’anniversario ricorreva il 27 luglio 2022, ma, per motivi di salute è stato necessario rinviare, per ben tre volte, ad altra data.

Abbiamo scelto, infine, l’11 febbraio perché è la festa della Madonna di Lourdes; questa scelta non è stata casuale poiché era nostro desiderio vivere questo evento sotto lo sguardo e la protezione di Maria e nella Cappella del vostro Istituto dove avevamo già celebrato il venticinquesimo anniversario del nostro matrimonio.

Conservavamo di quell’avvenimento, celebrato nella Cappella, un’aria di pace, di sacralità, di calorosa accoglienza, di famiglia; ciò ci ha spinto a chiedervi la possibilità di accoglierci per celebrare il cinquantesimo.

Alla nostra richiesta, la vostra disponibilità è stata pronta, amabile, materna e senza riserve.

Il giorno della festa  la Cappella era stata preparata con cura, sobrietà e delicatezza.

Nell’attesa che arrivasse il sacerdote, le suore si sono occupate dei numerosi bambini, e noi ci siamo sentiti sostenuti in ogni momento.

La Celebrazione dell’Eucaristia, accompagnata dai canti, si è svolta in un’atmosfera semplice, solenne, soprannaturale, familiare e composta.

Il giorno successivo, nel ringraziare il sacerdote, don Orlando, gli abbiamo detto che la Santa Messa è stata un momento di grazia, un capolavoro. Egli ha confermato dicendo: “Sì, è stato un momento di grazia, un capolavoro perché si percepiva fortemente l’unità di tutta l’assemblea”.

Sembrava che anche i banchi, i ceri, i fiori, le pareti, la luce vivida del sole partecipassero alla sacralità del momento. Spontaneamente, alcuni presenti hanno rivolto a Dio le loro invocazioni per noi.

In un’atmosfera raccolta e partecipata, commovente è stato il ricordo dei nostri cari che ci hanno preceduto nella Casa del Padre.

La nostra meraviglia era grande; volevamo quasi scomparire affinché fosse lasciato spazio al vero protagonista: Dio Padre, considerando che tra i presenti qualcuno non è credente.

Silvano, un nostro amico, ci ha telefonato per ringraziarci di aver partecipato alla Celebrazione; gli era sembrato “un Inno alla Via, alla Famiglia, alla Fratellanza”.

Conoscendo i nostri limiti e le nostre scarse capacità organizzative, non finiremo mai di stupirci poiché, tutto ciò che si è svolto ha superato ogni nostro desiderio ed aspettativa. Non è stata una festa, è stato un momento di Grazia.

Care Sorelle, grazie per averci accolto e averci fatto sentire parte della vostra famiglia.

Sarà stato un dono di Madre Carla?!

                                                                                           Con fraterno affetto

                                                                                           Pietro e Liliana Perfetto

Giorno di gratitudine e di festa

Pubblicato il: venerdì 17 Febbraio 2023

Centouno anni fa come oggi, il 17 febbraio, nasceva Madre Carla. Vogliamo rendere grazie al Signore per il dono della sua vita e di quanto Egli ha realizzato attraverso di lei per il bene di tanti fratelli.

Madre Carla docile ai doni dello Spirito e disponibile alla volontà di Dio, è stata segno dell’amore di Dio per tutti. Lo scorso 11 dicembre abbiamo avuta la grazia di celebrare l’apertura del processo della sua beatificazione e canonizzazione nella Cattedrale di Frascati, dichiarandola Serva di Dio. Oggi la fama della sua santità è conosciuta nelle varie parti del mondo e continua a diffondersi.

Da una lettera scritta a noi sue figlie, il 17 febbraio 1989, possiamo cogliere la passione missionaria che la spingeva con paziente speranza verso tanti fratelli, per portare la luce e la gioia di Gesù Verbo Incarnato; diceva: “Un’anima missionaria custodisce, dentro di sé, il desiderio insopprimibile di portare Cristo alle anime, senza chiedere nulla per sé, né quanto ciò le possa costare. Come il seminatore, ella getta il seme nella speranza, fiduciosa nella Grazia divina che, come pioggia benefica, fa germogliare e crescere la buona semente sino ai frutti maturi. Ella vigila, senza risparmiarsi sostenuta dalla Santa Obbedienza, dall’ispirazione divina, dalla esperienza personale, e da quanto le viene suggerito. Ella spera, senza stancarsi, giacché il seme porterà frutto, come e quando il Signore vorrà. Ella è pronta anche ad abbandonare il campo di lavoro, alla voce dell’obbedienza, perché sa che: «uno semina e uno miete». Uniamo la nostra obbedienza a quella di Maria”.

Con Lei diciamo: «Fiat mihi secundum verbum tuum» (Lc 1, 38) con tutta l’implicanza del suo significato; solo così diverremo madri di anime come Maria e come la serva di Dio, Madre Carla.

Oggi, per la mediazione di Madre Carla, vogliamo chiedere al Signore anche per noi, la passione e la gioia di portare Cristo. Con questo desiderio, viviamo con gratitudine la gioia di questa giornata.

Buon compleanno

Pubblicato il: venerdì 17 Febbraio 2023

Dire che Madre Carla mi manca può apparir scontato, mi lascio trasportare dal vento delle emozioni che pilota il mio sguardo verso il cielo e, scrutando tra le stelle, mi fa dire… ovunque lei sia, continui a distendere su di me i suoi abbracci!

Ebbene sì, mi mancano le sue lezioni di vita e se chiudo gli occhi per un attimo sento che è vicina a me. Il tempo perde valore dietro il calore dei ricordi ed allora faccio finta che lei ci sia ancora, come quando ero solo una ragazzina.

Ricordo ancora il suo profumo che mi faceva sentire a casa, quella casa che ho sempre sognato.  Avrei tante cose da dirle, o Madre cara, tanti segreti da confidarle, tanti consigli da chiederle e tante persone da farle conoscere.

È sempre qui nel mio ricordo, ad un passo dal cuore…per sempre.

Buon compleanno fin lassù!

                                                                                                                                                                             Anna Maria

Premiazione del Concorso artistico SMI

Pubblicato il: domenica 29 Gennaio 2023

In occasione delle celebrazioni del Centenario della nascita di madre Carla Borgheri, ieri 28 gennaio 2023 alle 11:00 ci siamo collegate via Internet con le sorelle di tutto il mondo.

Si è svolta durante il collegamento la premiazione del concorso artistico dal titolo “La mia vocazione per l’oggi” espressione d’arte e d’amore.

Il concorso è stato pensato come momento di riflessione sulla vocazione personale:

  • come viene vissuta nella famiglia delle SMI
  • come è stata messa al servizio del prossimo.

Le opere pervenute, e che hanno partecipato al concorso, sono 96.

Differenti sono state le espressioni artistiche per rispondere al titolo:

  • racconti
  • poesie
  • disegni
  • manufatti
  • video
  • foto
  • presentazioni /slides

Tutte meritevoli di un ringraziamento particolare per l’impegno, la creatività e il dono della narrazione di sé.

Tre sono stati i membri della giuria giudicante che ha attribuito ad ogni opera differenti voti, in base all’efficacia comunicativa, la qualità compositiva, la metodologia più attuale per arrivare al prossimo etc.

Il concorso prevedeva in un primo momento una vincitrice, ma a sorpresa, durante l’incontro, è stato annunciato che sarebbero stati premiati i primi 5 lavori in classifica.

Al termine dell’evento è stato riservato un ulteriore Premio per l’impegno e il tempo dedicato per la partecipazione al concorso ad una partecipante e un altro Premio ad una sorella per lo stile narrativo con cui ha presentato il suo lavoro.

È stato un piacevole momento di condivisione con tutte le comunità, un momento di arricchimento personale, mediante la condivisione dei lavori premiati.

Ci auguriamo di poter organizzare in futuro nuovi momenti di scambio di esperienza e creatività, come quello che abbiamo vissuto ieri.

Un grazie speciale a tutte le sorelle delle comunità che hanno partecipato e si sono messe in gioco, portando anche in questo la testimonianza con la propria vita e il proprio elaborato.

Un ringraziamento anche a ciascun componente della giuria che con passione, competenza e professionalità ha valutato con cura ogni opera in concorso.

Le nostre migliori congratulazioni alle vincitrici del concorso:

I° classificata: Suor Geethu Elizabeth Puthenpurakal

Un viaggio in Terra Santa

II° classificata: Suor Mary Vipin Chinkutharayil

Un corso di esercizi spirituali di una settimana

III° classificata: Suor Leema Kattikatt

Un hard disk di 1 Tb

IV° classificata: Suor Deepa Cicily Chakkalathil

Un quadretto in argento della Madonna

V° classificata: Suor Mary Jifna Punnakal

Un libro delle omelie di Papa Francesco

Premio critica: Suor Margret Kuruppassery

Premio narrativa: Suor Brilla Venit

 

Mission experience

Pubblicato il: venerdì 20 Gennaio 2023

Helen Keller School for the Hearing Impaired is a school run by the Diocese of Kumbakonam and managed by the Missionary Sisters of the Incarnation. It was inaugurated in 1995 and since then, many students have passed through the school and have developed their talents and studies. These children are gifted in arts, sports, and other activities and have won first prize medals from the state for their extracurricular activities.

There are several competitions conducted by the district, state, and nation for hearing-impaired children. The government of Tamil Nadu has introduced several master plans and projects with modern techniques and equipment to encourage and foster these special students by providing opportunities for them to cultivate their talents at various levels.

During the academic year 2021-2022, our children were invited to participate in different programs. In November, they went to Chennai to participate in sports and games and won medals in various competitions.

God is present everywhere, including in and around vulnerable children. When we are with them, we can experience God’s wonderful providence, love, and mercy through them. Those who come into contact with them also say, “Here is God. God dwells in them. We don’t need to search for God anywhere else. They are God’s eyes and God’s hearts.”

Kumbakonam Community