Blog Fullwidth

A Web page that serves as a publicly accessible personal journal for an individual. Typically updated daily, blogs often reflect the personality of the author.

Fotogrammi della mia giovinezza tra…ricordi ed emozioni

Pubblicato il: sabato 25 Settembre 2021

La vita è fatta di emozioni e pensieri, ma i ricordi sono sicuramente la parte più preziosa che abbiamo e vanno custoditi nei meandri della nostra memoria.

Tutti abbiamo dei ricordi e, belli o brutti che siano, sono ciò che costituisce il nostro passato, ci aiutano ad affrontare al meglio il nostro presente e il nostro futuro…ma la cosa bella dei ricordi di vita è che possiamo condividerli con le persone che amiamo di più e che hanno fatto parte di quel momento passato.

Vivere di ricordi è bellissimo ed è per questo che ho raccolto alcune foto che vorrei commentare con voi con la convinzione che così come la scrittura è un tentativo di preservare la memoria, lo scatto fotografico è la possibilità di rendere immortale un attimo. Ciò che dobbiamo tenerci stretti, infatti, non sono solo i ricordi del passato, ma la persona che siamo diventati grazie alle nostre esperienze, perché ciò che conta è quello che siamo adesso. E proprio la strada dei ricordi mi porta a contemplare principalmente quei momenti ricchi di calore, di brividi e di emozioni che ho vissuto quando ho conosciuto Madre Carla; paesaggi, scorci di strade, stanze, oggetti, parole, insegnamenti che rendono vivo il ricordo di colei che c’è sempre stata ogni qualvolta avessi avuto bisogno di un consiglio, di un monito, di una strada da percorrere, di un obiettivo da raggiungere o di un sogno da realizzare. Sono questi i fotogrammi che mi riportano a lei, come se fosse ancora qui con me, con la sensazione che non mi ha mai lasciata e con un’emozione grandissima che nessuna penna al mondo potrebbe descrivere; se la mia vita odierna ha un senso ed è ricca di valori e di persone che mi vogliono bene lo devo anche a quell’esperienza profonda vissuta al fianco di Madre Carla.

Ebbene sì, proprio qualche settimana fa, e precisamente il 19 agosto, il recarmi dopo 21 anni nelle comunità di Frascati e Vermicino, nei luoghi della mia prima giovinezza, ha fatto riaffiorare una miriade di ricordi ed ho vissuto un turbinio di emozioni che hanno toccato profondamente il mio vissuto e che ora mi è difficile raccontare. Sono partita da Lecce e al mio arrivo mi hanno accolta a braccia aperte Madre Anna e Madre Carmela, ho vissuto assieme alle suore momenti di allegria e di relax con “laboratori creativi” e, poi, il raccoglimento e la preghiera davanti alla tomba di Madre Carla… che dirvi di quei momenti, lì, davanti alla tomba di colei che mi ha regalato il suo sorriso, ha corretto i miei errori, ha educato il mio spirito, ha protetto il mio cammino e, con la sua dolce mano mi ha dato sicurezza…come spiegare con le parole ciò che ho provato? Come affermò Dante Alighieri nel suo capolavoro “non si poria per verba”. Alle suore più giovani, nei 5 giorni della mia permanenza, ho raccontato la mia esperienza accanto a Madre Carla il che ha permesso loro di sapere chi fosse stata per me e quanto grande sia stato il suo carisma. Potrei ancora scrivere fiumi di parole, ma lascio ora la parola alle immagini…saranno loro a continuare a raccontarvi di me.

Tutto è ancora lì, come se il tempo si fosse fermato ed è ancora tutto magico come prima; i ricordi saranno sempre parte piacevole del presente, perché pur cambiando i luoghi, le generazioni, le persone, siamo noi, con il nostro cuore, a dare un senso a quegli spazi e a quelle persone ed è allora che si vive la meravigliosa esperienza di quegli attimi di vita che chiamiamo emozioni.

Novoli, 25 settembre 2021                                                                             Anna Maria Pulli

I miracoli dell’amore

Pubblicato il: sabato 18 Settembre 2021

“Queste dunque le tre cose che rimangono: la fede, la speranza e la carità;
ma di tutte più grande è la carità”. (1 Cor 13,13)

In questi ultimi 2 anni tutti i Paesi del mondo sono stati messi in ginocchio, economicamente e socialmente, dal Covid-19. È stato difficile per tutti, ma in modo particolare per i Paesi più poveri, dove l’economia e la precaria sanità hanno mietuto tante vittime. Tra i tanti Paesi c’è il Vietnam, tra i pochi Paese che per tanti mesi aveva registrato pochissimi contagi. Ora, invece, la situazione sta peggiorando giorno per giorno, nonostante il governo stia facendo tutto il possibile per fermare i numerosi contagi. I medici, gli infermieri, i sacerdoti, i religiosi e tanti volontari, stanno facendo del loro meglio per salvare tante vite umane.
In Vietnam si sta procedendo con le vaccinazioni, ma tutto il Paese vive in un lockdown molto stretto; la gente è disperata dalla pandemia e dalla povertà. Tutti si pongono la stessa domanda: “Oh Signore, fino a quando! Quando finirà tutto ciò?”.

Quante persone hanno perso il lavoro, quanti studenti hanno perso lezioni, quante famiglie stanno vivendo una grave crisi e non sanno cosa fare. Davanti a questa tragedia la parola di San Paolo ci richiama a fare qualcosa di più: “Dobbiamo ridere con chi ride e piangere con chi piange”. Anche noi Suore Missionarie dell’Incarnazione, con quello che abbiamo, cerchiamo di aiutare la popolazione come meglio possiamo. Approfittando del poco terreno che la Provvidenza ci ha dato, con le nostre mani, abbiamo cercato di coltivare frutta e verdure che, confezionata in tanti pacchi, è stata distribuita dai volontari alla gente bisognosa. Sono queste le opere che le sorelle del Vietnam, aiutate dalle nostre ragazze in formazione, stanno compiendo in questi mesi di emergenza Covid. Il lavoro è faticoso, però siamo felici e piene di vera gioia, perché con il nostro poco cerchiamo di aiutare chi ha più bisogno di noi ed è nella difficoltà.

Penso che anche Madre Carla, dal cielo, ci benedice per ciò che riusciamo a fare; ci consolano le sue parole: “Nulla ci sia troppo faticoso quando si tratta di offrirlo all’Amore, nulla ci sia ripugnante di quanto doniamo per amore, perché la carità non ha mai fine; come nell’Incarnazione. Dobbiamo dare … dare … dare … e non chiedere mai nulla in cambio”. (Dagli scritti di Madre Carla)

Affidiamo, dunque, questi nostri desideri alla misericordia di Dio, alla Vergine Maria e a Madre Carla.

                                                                                                                  Maria Pham Thi Houng (novizia)

Galleria fotografica Vietnam

In ricordo del 15.mo anniversario della morte di Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: sabato 18 Settembre 2021

Lunedì ricorrerà il quindicesimo anniversario della morte di Madre Carla Borgheri, fondatrice della nostra Congregazione Suore Missionarie dell’Incarnazione e Padri Missionari dell’Incarnazione.

Era, infatti, il 20 settembre 2006 quando a mezzogiorno, mentre recitavamo, intorno al suo letto, l’Angelus Domini, Lei passava da questo mondo per andare incontro al suo Signore.

Siamo grati al Signore per il dono della sua vita e di tutte le meraviglie che il Signore ha operato attraverso la sua docile ed umile obbedienza al progetto di Dio, per il bene dei tanti fratelli e sorelle nelle varie parti del mondo.

Nelle difficili circostanze di pandemia e di problematiche del mondo che siamo chiamate a vivere, chiediamo al Signore una coscienza vigile e grata del dono ricevuto nell’incontro con il carisma di Madre Carla, per servire sempre meglio la Chiesa, riconoscendo che ogni istante da noi vissuto è abitato dal Verbo Incarnato e da Lui redento, perciò non c’è niente di inutile e tutto è segno dell’amore di Dio. Come affermava Madre Carla: “Crediamo che il bene e l’amore di Dio vinceranno sul male, però è vero che oggi siamo noi che dobbiamo divenire armi di virtù nelle mani di Dio. Dio vincerà, il male è stato vinto da Gesù sulla Croce, ma i giusti di ogni secolo devono sempre fare la loro parte. Cerchiamo di essere tra i santi figli di Dio, diveniamo seme fecondo di crescita per le anime, per la Chiesa”.

Se saremo fedeli alla grazia che ci ha raggiunti attraverso il carisma di Madre Carla, potremo essere “braccia, mani, piedi, mente e cuore di una Chiesa in uscita” (Papa Francesco), per essere nel mondo portatrici di speranza e testimoni dell’amore. Solo questa novità può essere credibile oggi!

Il 20 settembre sarà celebrata in suo suffragio la S. Messa in tutte le parti del mondo in cui sono presenti le Suore Missionarie dell’Incarnazione e i Padri Missionari dell’Incarnazione.

A Vermicino sarà celebrata la S. Messa alle ore 18.00 nella Cappella di Casa Madre, dove è presente la tomba di Madre Carla.

La celebrazione del 15° anniversario del Suo ingresso nell’eternità, Le sia di suffragio e diventi per noi sprone per continuare il cammino sulle sue orme.

                                                                                                                                     Il Consiglio generale SMI

Scarica invito

GALLERIA FOTO DELLA CELEBRAZIONE

Campo scuola in Albania

Pubblicato il: giovedì 16 Settembre 2021

Nei mesi di luglio e agosto, nelle parrocchie di Shenkoll, Tale e Rrile, diocesi di Lezhe (Albania), si sono svolti i campi estivi dal titolo “Together”.  Come recita un canto, si è arrivati da mille strade diverse, in mille modi diversi, in mille momenti diversi, perché il Signore ha voluto così.

I campi, quest’anno, sono stati animati da Padre Salvatore Reino R.C.I, da Aurelian (seminarista Rogazionista), dalle Suore Missionarie dell’Incarnazione, (Sr. Mattilde, Sr. Nisha, Sr. Shery) e da alcuni giovani. Purtroppo, a causa della pandemia, è mancata la collaborazione dei giovani animatori italiani che come ogni anno, per fare un’esperienza missionaria, durante il periodo estivo trascorrevano alcune settimane in Albania.

L’esperienza dei nostri campi-scuola è stata un’occasione preziosa per concentrarsi su dimensioni lontane dalla realtà quotidiana dei fanciulli quali l’ascolto, la condivisione, la fraternità, l’amicizia, il servizio il gioco e la preghiera; tali valori, trasmessi con pazienza e passione, hanno arricchito la loro vita.

È una grazia sperimentare, di volta in volta, come il Signore sia capace di rivolgersi a qualunque fascia di età, facendosi piccolo con i piccoli. I ragazzi, d’altronde, sanno rispondere con semplicità ai quesiti che Dio rivolge ad ogni cuore e riescono a porsi all’altezza del sogno e della missione che Egli ha pensato per ciascuno di loro. Consapevoli che Dio parla al cuore dei più piccoli con parole e modi sempre nuovi, noi abbiamo accompagnato i ragazzi all’incontro con Gesù amico che lascia tracce indelebili.

Il tempo trascorso insieme tra giochi e preghiera è stato tempo favorevole per riscoprire e maturare l’atteggiamento della condivisione nei diversi gruppi suddivisi per fasce di età.

Dio Padre ha a cuore che ogni fanciullo viva una vita piena e felice all’interno di una comunità fondata sulla carità, sull’universalità dell’amore e della misericordia di Dio. Il Campo scuola è stato un’opportunità di sperimentare quest’amore paterno di Dio.

Felici ed appagati, alla fine dei campi-scuola, i nostri fanciulli sono ritornati nelle loro case con la certezza nel cuore, di essere presi per mano da Dio e guidati nelle loro piccole e grandi fatiche della vita quotidiana.

                                                                                                                                    Comunità SMI di Shenkoll

Galleria fotografica Albania

The Perpetual Profession of Sr. Alphonsa Panikkaveettil

Pubblicato il: sabato 11 Settembre 2021

The Nativity of the Blessed Virgin Mary is a Marian feast deeply felt by us the Missionary Sisters of the Incarnation, that’s why this day was chosen for an important event such as the day of the Perpetual commitment of Rev. Sr. Alphonsa Panikkaveettil.

On the evening of September 7th, Sr. Alphonsa Panikkaveettil after having spent the time established for the religious formation, has pronounced her YES definitive to the Lord, Jesus, the Incarnate Word, entrusting herself definitely to the Holy Church and to the Religious Congregation, into the hands of Sr. Shiny Chakkalakal, the Regional Superior and the delegate of the Superior General Mother Carmela Cataldo. We all are grateful to the Lord for this great gift to our religious family and to the whole Church.

The Holy Mass was celebrated in St. Joseph Convent Chapel of the regional house of the SMI, at Cochin (Kerala-India), and was presided by His Excellency Mons. Joseph Kariyil, Bishop of the diocese of Cochin.

For the ceremony were present the Missionary Fathers and Sisters of the Incarnation, the family of Sr. Alphonsa Panikkaveettil and few other sisters Unfortunately, due to the anti-Covid rules, the participation of the faithful and many other priests was contingent, however it was not prevented the celebration from being solemn and very moving.

During the homily the Bishop recalled the candidate the fundamentals of religious life, based on the Word of God and on the evangelical counsels. He also urged awareness and the need to live the Charism of the Incarnation as an essential element to follow the ideals of Mother Carla.

Our heartfelt prayers and wishes to Sr. Alphonsa is to carry on the spirit of our beloved Mother Carla keeping more attention and interest in simple things and to share God’s love as a priority in her daily life.

SMI Kalamassery Community

» Italian version

Professione Perpetua di Sr. Alphonsa Panikkaveettil

Pubblicato il: sabato 11 Settembre 2021

La Natività della Beata Vergine Maria, è una festa mariana molto sentita da noi Suore Missionarie dell’Incarnazione, ed è per questo che questa giornata è stata scelta per un evento importante.

La sera del 7 settembre, Sr. Alphonsa Panikkaveettil dopo aver trascorso il tempo stabilito per la formazione, ha pronunciato al suo Signore, Gesù Verbo Incarnato il suo sì definitivo nelle mani di sr Shiny Chakkalakal, Superiora regionale e delegata della Superiora generale Madre Carmela Cataldo. Siamo grate al Signore per questo grande dono alla nostra Famiglia religiosa e all’intera Chiesa.

 

La S. Messa è stata celebrata nella Cappella della Casa regionale, St. Joseph Convent a Cochin, (Kerala-India) e presieduta da Sua Eccellenza Mons. Joseph Kariyil, Vescovo della diocesi di Cochin. Erano presenti i Padri Missionari dell’Incarnazione e i suoi familiari. Purtroppo a motivo delle norme anti Covid, la partecipazione dei fedeli e molti sacerdoti è stata contingentata, ciò nonostante non ha impedito di vivere una celebrazione solenne e molto commovente.

Durante l’omelia il Vescovo ha ricordato gli elementi fondamentali della vita religiosa, basati sulla Parola di Dio e sui Consigli evangelici. Inoltre ha esortato alla consapevolezza e alla necessità di vivere il Carisma dell’Incarnazione come elemento essenziale per seguire gli ideali di Madre Carla.

Il nostro augurio a sr Alphonsa è di portare avanti lo spirito di Madre Carla impegnandosi ad avere attenzione e interesse per le cose semplici e di condividere l’Amore di Dio come priorità nella sua vita quotidiana.

SMI Comunità di Kalamassery

» English version

Alida Cuiuli Pizzicaroli, una stella che ora brilla in Cielo

Pubblicato il: domenica 29 Agosto 2021

Cara Alida, amica e maestra, è difficile trovare le giuste parole per la tua improvvisa scomparsa, ma esse restano l’unico veicolo per far sentire la nostra vicinanza alla tua famiglia e soprattutto un gesto di affetto immediato nei tuoi confronti.
Sei stata una donna, una madre, una nonna e un insegnante esemplare, sempre pronta ad educare con l’esempio e con la testimonianza di vita. Questo nostro pensiero, nei tuoi riguardi, arrivi fin lassù sotto forma di carezze, abbracci, attestati d’amore e di stima, nella speranza che possa alleviare il senso di vuoto che hai lasciato.
Appena diplomata hai accolto senza esitazione l’invito di madre Carla, con la quale avevi costruito un legame speciale, a collaborare alla formazione delle giovani Suore, e hai donato alla nostra Famiglia religiosa disponibilità, sapere, conoscenze e veri valori della vita. Ti sei dedicata insieme al primo nucleo di Suore all’istruzione degli adulti del quartiere di Vermicino con l’impegno di sostenere famiglie in difficoltà. Quante gioie e fatiche hai condiviso della nostra nascente Congregazione, quanti beni disinteressati hai elargito a tante generazioni!

Alida con le giovani aspiranti

Ora preghiamo Dio che dia la forza al tuo Giuseppe, ai tuoi figli Andrea e Chiara, agli amati nipotini di superare questo momento sapendo il grande amore che vi univa. Forse il tempo lenirà il dolore e aiuterà tutte noi ad andare avanti ma il vivo ricordo di una persona speciale, quale eri, ci accompagnerà per sempre.
Chi ama non conosce morte perché l’amore fa rinascere la vita nella divinità. Sei sempre viva nei nostri cuori… sarai ovunque noi siamo e continuerai ad avere un posto speciale nella nostra Famiglia insieme a madre Carla.
Con stima, affetto e riconoscenza

Madre Anna Piu e tutte le Suore Missionarie dell’Incarnazione

Maria, icona luminosa di speranza  

Pubblicato il: venerdì 13 Agosto 2021

Nelle difficoltà c’è per noi una scorciatoia,
una via raggiungibile,
che ci può guidare e aiutare a “SENTIRE DIO”.
Innanzitutto è il ricorso fiducioso a Maria,
l’appoggiarsi filialmente a Lei
perché ci porti al Figlio suo:
“Ad Jesum per Mariam”.
                                                           (Madre Carla)

 

Carissimi lettori,

la festa della Vergine Maria Assunta in Cielo ci riempie di speranza e ci fa elevare lo sguardo verso Dio!

La nostra vita può essere costellata da luci e ombre, fatiche e dubbi, speranze e delusioni, specialmente come in questo nostro tempo in cui, soprattutto a motivo della pandemia, sembra dominare l’incertezza. Uno sguardo sapienziale può aiutarci a riconoscere questi aspetti come elementi che tessono il nostro vissuto e rendono autentico il nostro vivere quotidiano.

Papa Francesco ci invita a non farci rubare la speranza, poiché la virtù di quest’ultima è il faro che illumina anche il fitto buio e ci dona quella fiducia nell’amore di Dio Padre, che ha sempre cura dei suoi figli. «Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se costoro si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai» (Is 49,15).

La festa dell’Assunzione di Maria ci invita a modulare la nostra vita guardando il Cielo, vivere il quotidiano terreno nella consapevolezza che siamo solo passeggeri in questo mondo, senza lasciarci schiacciare dalle vicende della vita, ma vivendole nell’ottica della speranza.

Invochiamo Maria Assunta  nella gloria del cielo, perché ci aiuti a lasciarci sorprendere da Dio senza resistenze, ad essergli fedeli nella speranza ogni giorno, a lodarlo e ringraziarlo perché è Lui la nostra forza.

Dio benedica la nostra vita e Maria, la Madre del Verbo, ci accompagni ad accogliere quanto la vita quotidiana ci riserva. Affidiamo tutto a Maria, in Lei confidiamo e facciamo nostra l’esortazione di Madre Carla: “Siamo certe che avremo la vittoria sul male, contribuiremo a questa vittoria, se cresciamo nell’amore a Maria e diventiamo sempre più Gesù”.

A tutti voi, cari lettori, buona festa dell’Assunzione!

Sr. Carmela Cataldo SMI
Superiora generale

 

Dòng Các Nữ Tu Thừa Sai Nhập Thể (Bình Dương-Việt Nam) Suore Missionarie dell’Incarnazione (SMI )

Pubblicato il: mercoledì 11 Agosto 2021

LỊCH SỬ

Hội dòng các Nữ Tu Thừa Sai Nhập Thể (SMI) được Mẹ Carla Borgheri thành lập vào ngày 25 tháng 3 năm 1972 tại Vermicino (Rôma, nước Ý) khi Mẹ Carla và các chị em đầu tiên tuyên khấn lần đầu trước sự chứng kiến của Đức Giám Mục Luigi Liverzani giáo phận Frascati, và được công nhận là một dòng Giáo Hoàng năm 1988 bởi Đức Thánh Cha Gioan Phaolô II.

ĐẶC SỦNG

Các Nữ Tu Thừa Sai Nhập Thể chiêm ngắm mầu nhiệm Ngôi Lời trở nên xác phàm đã hạ mình xuống thế gian mà cứu chuộc nhân loại, và đó chính là điểm xuất phát cho sứ mệnh của hội dòng là trở nên những chứng nhân tình yêu, và mang tình yêu  đó đến cho tất cả mọi người trên thế giới đặc biệt là những người nghèo khổ, bị bỏ rơi và sống ngoài lề xã hội.

LINH ĐẠO

Các Nữ Tu Thừa Sai Nhập Thể sống đời thánh hiến của mình trong việc chiêm ngắm Ngôi Lời Nhập Thể. Tiếng “Xin Vâng” của Chúa Giêsu và tiếng “Xin Vâng” của Mẹ Maria trở thành lối sống của mỗi thành viên.

Trở nên các Nữ Tu Thừa Sai Nhập Thể nghĩa là trở nên một Đức Kitô khác nhập thể trong thời đại ngày nay, trở nên những chứng tá loan báo mầu nhiêm Nhập Thể, để tất cả mọi người đều biết và yêu mến mầu nhiệm tình yêu vĩ đại này.

SỨ VỤ

Dòng Thừa Sai Nhập Thể hoạt động nhiều nơi trên thế giới như ở Ý, An-ba-ni, Châu Phi, Ấn độ, Việt Nam và Philipin thông qua các hoạt động bác ái:

  • Chăm sóc và giáo dục trẻ em, người bị bỏ rơi, trẻ mồ côi
  • Chăm sóc và giáo dục trẻ khuyết tật, trẻ em gặp khó khăn về tinh thần và thể chất
  • Nuôi dưỡng người cao tuổi
  • Hỗ trợ và chăm sóc bệnh nhân
  • Dạy giáo lý
  • Phục vụ các giáo xứ và giáo phận
  • Mục vụ gia đình
  • Mục vụ giới trẻ
  • Mục vụ nhà tù
  • Đồng hành thiêng liêng

Các nữ tu Thừa Sai Nhập Thể phục vụ những nhu cầu cần thiết của mọi người trong mọi lứa tuổi nhằm chiếu tỏa ánh sáng của Ngôi Lời và tình yêu vô bờ bến của Ngài cho nhân loại.

TIẾN TRÌNH ĐÀO TẠO

  • Đệ tử: 1 năm
  • Thỉnh sinh: 1 năm
  • Tập sinh: 2 năm
  • Khấn tạm
  • Khấn trọn

ĐỐI TƯỢNG VÀ ĐIỀU KIỆN TIẾP NHẬN

Ứng sinh là các bạn nữ có ý hướng sống đời thánh hiến và hội đủ các điều kiện sau:

  • Yêu thích đời sống cầu nguyện, chiệm niệm và hoạt động.
  • Tuổi từ 18 dến 28.
  • Đã tốt nghiệp Trung Học Phổ Thông, hoặc đang học và đã học xong Cao Đẳng và Đại Học.

Bạn có muốn đáp trả lại Tình Yêu với tiếng “Xin Vâng” như Mẹ Maria?

“Ngôi Lời Đã Trở Thành Xác Phàm”

THÔNG TIN LIÊN LẠC

Các bạn nữ có ước muốn sống đời tu dòng Thừa Sai Nhập Thể xin liên lạc với:

Quý sơ dòng Thừa Sai Nhập Thể:

  • Email: Smi.bdvietnam@gmail.com
  • 0327540416 / 0399266120
  • Địa chỉ: 16/6a, phường Vĩnh Phú 26, khu phố Phú Hội, thị xã Thuận An, tĩnh Bình Dương, Việt Nam.

“Nhập Thể là mầu nhiệm tình yêu của Thiên Chúa dành cho nhân loại. Là món quà của lòng thương xót thiêng liêng đối với tạo vật. Là trung tâm thống nhất tất cả mọi người trên thế giới.”

( Mẹ Carla Borgheri )