Blog Fullwidth

A Web page that serves as a publicly accessible personal journal for an individual. Typically updated daily, blogs often reflect the personality of the author.

Madre Carla Borgheri verso gli onori degli altari

Pubblicato il: sabato 24 Dicembre 2022

“Santità è rendere straordinario ciò che è ordinario sapendo che Dio ci accompagna nel quotidiano…è vivere l’ordinario in modo straordinario, cioè nella gioia e nell’amore…” Sono queste le parole che pronunciava Madre Carla e che per sempre rimarranno scolpite nel cuore di chi ha avuto il privilegio di conoscerla ed esser le accanto.                                                                                                                                  La cerimonia di apertura della causa di beatificazione e canonizzazione, presieduta da S. E. Monsignor Raffaello Martinelli e durante la quale hanno prestato giuramento i membri del Tribunale Ecclesiastico diocesano, il Postulatore Dott. Waldery Hilgeman e la Vice-Postulatrice Suor Loreda Spagnolo delle Suore Missionarie dell’Incarnazione, si è aperta domenica 11 dicembre nella Cattedrale di San Pietro a Frascati con la recita dei Vespri, la lettura del decreto di introduzione della causa e del rescritto di nulla osta della Santa Sede, l’insediamento del Tribunale, i giuramenti del vescovo, dei membri del Tribunale e di quelli della postulazione. Grande è stato il gaudio delle stesse Religiose e dai Padri Missionari dell’Incarnazione che devono la loro fondazione a Madre Carla, la Serva di Dio la cui  vita è stata caratterizzata dall’amore per gli ultimi della società e dallo zelo missionario volto a portare il lieto messaggio evangelico di Dio fatto uomo e che ha vissuto la contemplazione del mistero dell’Incarnazione nelle opere di carità per cooperare alla redenzione dell’umanità e alla diffusione del Regno di Dio. .

La vita di madre Carla Borgheri è scandita dal servizio, da opere di carità, il suo è il servizio di una missionaria spinta nel suo agire dall’amore di Dio che la porta, sin dall’inizio, in varie parti del mondo dove fonda diverse opere, tra cui orfanatrofi e case per disabili. Il suo carisma – scrive in un articolo pubblicato dall’Osservatore Romano il postulatore della causa di beatificazione Waldery Hilgeman – è incentrato sul mistero del Verbo Incarnato. Oggi la sua figura, sottolinea il postulatore, è un appello “ad abitare gli spazi di confine, quei luoghi di frontiera, ai quali la società attuale guarda disincantata, dove la fatica, la sofferenza e la miseria spirituale diventano luogo privilegiato per l’incontro con Dio”.

Processo di beatificazione e canonizzazione della serva di Dio Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: sabato 24 Dicembre 2022

Anche la Comunità di Brindisi si associa alla corale preghiera per l’inizio della Causa di beatificazione e canonizzazione di Madre Carla Borgheri.

Innanzitutto Le diciamo il nostro grazie per tutto ciò che ha saputo donarci. La Madre sin da giovanissima fu attratta dal mistero dell’ Incarnazione e, creando proselitismo tra le consorelle, approfondì lo studio dei testi teologici  dando inizio all’ opera missionaria, che la porterà in seguito in diverse parti del mondo.

Ringraziamo anche il Signore che attraverso Lei ci ha fatto sperimentare la bellezza della fraternità e la gioia della comunione, come anticipo della gioia eterna dei Santi nel Cielo.

Un affettuoso pensiero vada a tutte le Sue consorelle che, in fedeltà alla vocazione e alla santità ricevuta nel battesimo, rinnovano con il loro impegno quotidiano il riflesso nitido della Misericordia di Dio per i malati e i più deboli, come aveva loro insegnato proprio Madre Carla.

Fu anche questo infinito amore missionario che portò Madre Carla il 21/07/1992, per volontà di Monsignore don Settimio Todisco, a fondare la locale Comunità, con l’avvio di un sodalizio religioso con la città di San Lorenzo da Brindisi, nella cui chiesa le Suore Missionarie dell’ Incarnazione continuano tutt’oggi ad essere guida e servizio di reciproca fraternità con tutti.

Grazie e lode a Dio

 

Santuario Santa Maria degli Angeli Brindisi

Si apre la causa di beatificazione e canonizzazione di Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: venerdì 2 Dicembre 2022

Si apre la causa di beatificazione e canonizzazione di Madre Carla Borgheri (al secolo Cleo),
Fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione e dei Padre Missionari dell’Incarnazione.
Il vescovo di Frascati, mons. Raffaello Martinelli, ha pubblicato l’EDITTO con il quale intende dare inizio alle procedure per la Causa di beatificazione e canonizzazione di Madre Carla Borgheri che verrà aperta il prossimo 11 dicembre, alle ore 16,00 nella cattedrale di San Pietro, a Frascati.
Il vescovo invita tutti i fedeli a fornire notizie riguardo la figura di Madre Carla.
La cerimonia di apertura della “Causa di beatificazione e canonizzazione”, detta  Prima Sessio, avrà luogo domenica 11 dicembre 2022; inizierà alle ore 16,00 con la recita dei Vespri. Prevede la lettura del Decreto di introduzione della Causa e del Rescritto di Nulla Osta della Santa Sede, l’insediamento del Tribunale nominato dal Vescovo; poi i giuramenti del Vescovo, dei membri del Tribunale e di quelli della postulazione. La cerimonia potrà essere seguita in diretta via internet.

Sessione di apertura della fase diocesana della causa di beatificazione e canonizzazione della serva di dio Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: sabato 19 Novembre 2022

Con immensa gioia e gratitudine al Signore vi invitiamo a partecipare alla Sessione di apertura dell’Inchiesta diocesana sulla vita, le virtù eroiche, la fama e segni di santità della Serva di Dio Madre Carla Borgheri, Fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione e dei Padri Missionari dell’Incarnazione, che si svolgerà domenica 11 dicembre 2022 alle ore 16.00 nella Chiesa Cattedrale di San Pietro in Frascati. Presiederà il rito S. E. Mons. Raffaello Martinelli, Vescovo della Diocesi di Frascati.
Durante la Sessione di apertura presteranno giuramento i membri del Tribunale Ecclesiastico diocesano, il Postulatore Dott. Waldery Hilgeman e la Vice-Postulatrice suor Loreda Spagnolo delle Suore Missionarie dell’Incarnazione.
La Serva di Dio Madre Carla Borgheri, al secolo Nada Annunziata Borgheri, Fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione e dei Padri Missionari dell’Incarnazione, nasce a Novi Ligure (AL), Diocesi di Tortona il 17 febbraio 1922. Trascorre la sua vita prima a Firenze e poi a Roma.
Dopo vicende dolorose e la malattia, è conquistata dall’amore di Dio; ella si lascia condurre dalla grazia divina per realizzare il piano di Dio. La sua vita è caratterizzata dall’amore per gli ultimi della società e dallo zelo missionario per portare il lieto messaggio evangelico di Dio fatto uomo. Vive la contemplazione del mistero dell’Incarnazione nelle opere di carità per cooperare alla redenzione dell’umanità e la diffusione del Regno di Dio.
Nella sua semplicità e umiltà, è strumento nelle mani di Dio per fondare, nel 1972 la Congregazione delle Suore Missionarie dell’Incarnazione che riceve il riconoscimento di Diritto Pontificio nel 1988, e nel 1994 il ramo maschile dei Padri Missionari dell’Incarnazione. Resta alla guida della Congregazione fino al 2° Capitolo generale del 2001, durante il quale preferisce affidare la guida ad altre sorelle, per dedicarsi completamente alla guida spirituale delle sue figlie e figli.

Nel testamento spirituale esorta le sue figlie a vivere unite intimamente a Cristo da sentire la presenza di Dio Padre, del dolce Verbo Divino e del Santo Spirito, e invita a diventare il più possibile dei “Gesù viventi” in questo travagliato secolo.

Unico anelito della sua vita è cercare instancabilmente la volontà di Dio e rendere gloria a Lui. La sua ultima lettera indirizzata alle sue figlie si conclude dicendo che la santità è il perché della nostra vita.
Muore il 20 settembre 2006, a Frascati.
Chi non può partecipare personalmente all’evento, può unirsi spiritualmente e seguire la diretta streaming sulla  pagina Facebook Suore Missionarie dell’Incarnazione.

Papa Francesco: “Una Chiesa senza la carità non esiste”

Pubblicato il: giovedì 3 Novembre 2022

Vorremmo condividere con voi un’esperienza che facciamo con i poveri collaborando con Caritas Diocesana di Frascati. Da quasi cinque anni, prestiamo il nostro servizio presso questa realtà, nella quale si sono incontrate e conosciute diverse persone che prestano il loro servizio come volontari. In questo luogo, ogni ospite porta con sé la sua storia personale, piena di grandi sofferenze, e abbandona quella che fino a quel momento è stata la sua patria, senza sapere dove va. Le persone che ospitiamo arrivano qui con delle barche che rappresentano per loro la speranza di avere un futuro migliore e in un certo senso un’ancora di salvezza per la loro vita. C’è chi arriva malato, chi senza soldi, chi con problemi familiari e/o matrimoniali ecc…

La vita di queste persone è stata segnata da tantissime ferite ma, la maggior parte di loro, sono ancora sorridenti, e desiderosi di costruire un futuro migliore. Tra le tante storie che abbiamo ascoltato desideriamo raccontarvene una in particolare. Un giorno abbiamo conosciuto una persona, di origini rumena, molto amorevole e rispettosa di circa settant’anni. Questo uomo ha vissuto per circa due anni, la sua vita, notte e giorno sotto una tenda, senza elemosinare niente ma affidandosi unicamente alla provvidenza di Dio. Noi, conoscendolo giorno dopo giorno, abbiamo notato come, nonostante le numerose difficoltà di ogni giorno, non si è mai allontanato da Dio perché è un uomo pieno di fede. Prima di arrivare in questa città, è stato un instancabile lavoratore, infatti, ha lavorato per 23 anni in diverse città italiane. Dopo essersi ammalato è diventato povero ed in fine si è ritrovato a vivere per strada come un povero. Lui ha due figli in Inghilterra ma non ha nessun contatto con loro. La moglie è morta, adesso siamo noi le sue uniche compagne di vita. In questo nostro servizio di apostolato incontriamo tantissime persone di ogni lingua e nazione che come sottolinea sempre il papa Francesco: “sono le persone che fugano le guerre e le sue sequele”. Ogni persona che incontriamo ha le sue esigenze e le sue caratteristiche culturali come ad esempio: le abitudini, la religione e le proprie opinioni. Nel nostro servizio accettare l’altro così com’è e senza giudicarlo e un segno di grande AMORE.

Non vorremmo usare la parola “poveri” perché in realtà non sono poveri ma sono persone che per diversi motivi sono diventate povere. La loro condizione attuale è quella di estrema povertà. Come viene raccontato nel vangelo “Gesù ci invita a camminare e a vivere con i poveri, per essere poveri come loro.

Tutte le persone presenti in questo centro, appena arriviamo, ci accolgono e e ci salutano con tanta gioia. Alcune, addirittura, ci chiamando per nome. Ormai siamo diventati grandi amici. Per tutto quello che ho appena raccontato ringraziamo Dio e  la Comunità per averci fatto questo regalo e per averci dato questa possibilità di gettare questo seme in mezzo ai poveri e “portare il suo amore” con il nostro servizio.

“La Caritas è la carezza della Chiesa al suo popolo; la carezza della Madre Chiesa ai suoi figli; la tenerezza, la vicinanza. La ricerca della verità e lo studio della verità cattolica sono altre dimensioni importanti della Chiesa, se la facciano i teologi… Poi si trasforma in catechesi e in esegesi. La Caritas è l’amore nella Madre Chiesa, che si avvicina, accarezza, ama”.

Vocation Expo

Pubblicato il: mercoledì 2 Novembre 2022

We, the SMI and PMI, had an opportunity to participate in the ‘Vocation Expo’ conducted in the Holy Family Church, Perumpilly in the diocese of Verapoli on 23 October. By the hard work and mutual help of our sisters and PMI brothers, we could make the stall that has been assigned to us more colourful and attractive.

The historical photos of our Congregation, specially that of Mother Carla, were used in the “expo” in a meaningfully way.  There were many photos that reveal our charism and mission. Inspiring quotes of Mother Carla were beautifully presented in many charts.  As the highlight of the event the video about the life of Mother Carla, which tells the story of our Congregation, was shown.  Thirteen religious congregations participated in this ‘Vocation Expo’.  Catechism students, teachers and parents from the parish and from neighbouring parishes had a beautiful experience in this event.  We are happy that some parents and students have shown interest to know about the charism and mission of our Congregation. It was a blessed occasion to share the joy of being a missionary of Incarnation.

La comunità di Salice in festa per Madre Carla Borgheri

Pubblicato il: mercoledì 2 Novembre 2022

Un giorno di festa, domenica 2 ottobre scorso, per la comunità cittadina di Salice Salentino, in particolare per quanti hanno avuto la possibilità di conoscere e apprezzare, quand’era in vita, la vocazione e le virtù di Madre Carla Borgheri, fondatrice delle Suore e dei Padri Missionari dell’Incarnazione. E’ lei, infatti, che nel lontano 1985, ottenne dall’allora Arcivescovo della Diocesi di Brindisi-Ostuni, S.E. Mons. Settimio Todisco, che una comunità di Suore si insediasse sul territorio salicese e, da quel momento, esse rappresentano una risorsa preziosa per l’intera collettività che a loro affida l’opera educativa dei piccoli nella Scuola dell’infanzia da loro gestita e quella catechetica dei ragazzi più grandi. Madre Carla ha visitato più volte la Comunità salicese a cui era molto legata ed essa, domenica scorsa, ha voluto renderle omaggio con una presenza commossa e numerosa alle celebrazioni per la ricorrenza del centenario della nascita della loro madre fondatrice. Era un grande desiderio quello di poter consegnare alla storia salicese e non solo, la vita, la spiritualità, la testimonianza di Madre Carla.  Così, in piena sintonia ed unità di obiettivi la comunità delle Suore Missionarie, guidate dall’attuale Madre Generale, dalle instancabili Suor Loreda Spagnolo e Suor Jessy Chennatara, ha sollecitato l’attenzione del Parroco della Chiesa Madre di Salice, don Massimo Alemanno, dove le Suore operano e dell’Amministrazione Comunale che, sin da subito, hanno accolto le istanze e le hanno portate a termine.

Domenica sera, alla presenza del Sindaco Cosimo Leuzzi e della sua Giunta, delle Autorità civili, militari e religiose, di tanti fedeli è stata inaugurata una targa “Largo Madre Borgheri” che denominerà il Largo Calvario, sito in Via XX Settembre. La preghiera di benedizione è stata officiata dall’Arcivescovo Di Brindisi-Ostuni, S.E. Mons. Domenico Caliandro. Tanta commozione e soddisfazione trasparivano dagli sguardi lucidi delle Suore, giunte anche da fuori per l’occasione e di tutti i presenti. Un sogno divenuto realtà.

Il clima di gioia e di festa è proseguito in Piazza Plebiscito, dove è stato presentato lo spettacolo: “Vi raccontiamo Madre Carla”, un mix di canti, poesie, coreografie e testimonianze che hanno visto protagonisti bambini, ragazzi, giovani e adulti delle diverse realtà ecclesiali e associative. Una bella occasione per fare tesoro e rendere sempre vivi e attuali gli insegnamenti di Madre Carla Borgheri, amante del Signore, della vita, della gioia, del servizio, della fraternità.

Questa sera, Madre Carla, ci ha fatto un dono, ci ha fatto sperimentare la bellezza dell’essere comunità e noi dobbiamo esserne fieri. Lei diceva sempre: devo accostarmi all’altro come un dono. Una bella lezione per noi e un forte incoraggiamento ad avere cura delle relazioni, accogliendo e accettando le diversità, nella certezza che le celebrazioni passano, ma la memoria, la testimonianza restano scolpiti nel cuore di tutti noi che non esiteremo a  seguire i passi di Madre Carla nel cammino verso la santità”, così don Massimo Alemanno salutava e ringraziava tutti gli intervenuti.

                                                                                                                                                                   Coralba Rosato

Intitolazione del Largo Calvario a Madre Carla Borgheri

Entrata in Postulato di quattro giovani africane

Pubblicato il: mercoledì 2 Novembre 2022

È con queste parole del profeta Geremia che noi, membri della comunità formativa di Bingerville, vogliamo esprimere la nostra gratitudine al Signore in questo giorno, per l’ingresso nel postulato di quattro ragazze, provenienti da tre parti dell’Africa (Costa d’Avorio, Burkina Faso e Repubblica Democratica del Congo) e rispondere alla sua chiamata nella nostra Congregazione. Che meraviglia! Che gioia!

Così Dio ci rivela di essere la fonte di tutte le vocazioni e che, anche in questa cosiddetta era globalizzata e consumistica, continua a seminare nel cuore dei giovani il desiderio di donare la propria vita totalmente a Lui, per il Suo Regno e il bene dell’umanità.

Rendiamolo grazie e preghiamo per queste giovani affinché il Signore le inondi delle Sue benedizioni e grazie per il resto del loro cammino.

Dio chiama anche altri giovani nella sua vigna, siete pronti a rispondergli “Eccomi” come Maria?

Un giorno significativo per ricordare Madre Carla

Pubblicato il: mercoledì 26 Ottobre 2022

Domenica 23 settembre, giornata mondiale missionaria – quale giornata migliore per ricordare Madre Carla nel centenario della sua nascita. Fondatrice delle Suore Missionarie dell’Incarnazione, sua splendida famiglia dove ti senti sempre accolto, in qualsiasi momento, e abbracciato da caldi sorrisi.

La celebrazione di domenica è stata molto semplice, ma nella sua semplicità, molto emozionante. L’adorazione con un canto asiatico, dopo la consacrazione è stato di sicuro il momento più toccante. Le Suore Missionarie dell’Incarnazione vivono il loro spirito missionario già dalle persone che incontrano giornalmente lungo il loro cammino. Personalmente ringrazio il Signore per averle incontrate e prego perché dia sempre loro una grande forza e un grande sorriso per vivere appieno la “MISSIONARIETÀ”

                                                                                                                                                                         Barbara Gori

Madre Carla, una Missionaria dei nostri tempi

Pubblicato il: domenica 23 Ottobre 2022

Oggi Giornata missionaria mondiale, è stata una bellissima Eucarestia celebrata a Capocroce, in cui abbiamo ricordato l’importanza della Missione di cui le Suore dell’Incarnazione sono testimoni! La loro esperienza di carità, semplicità e di fede ha riscaldato i nostri Cuori. I giovani dell’Oratorio sono rimasti molto colpiti dalla loro testimonianza e dal ricordo di Madre Carla Borgheri, loro fondatrice che oggi abbiamo commemorato 100 anni dalla sua nascita.
Grazie per tutto quello che fate per la nostra comunità e per tutti noi!
Che Dio vi benedica!
I giovani dell’Oratorio di Capocroce