Archivio Categoria AFRICA

Visita nelle missioni di Tabou in Costa d’avorio

Pubblicato il: venerdì 11 Febbraio 2022

Mi chiamo Elena Bertolotti e vivo in provincia di Verona. Tramite un amico toscano, Andrea, sono venuta a conoscenza della Missione di Tabou. Sono stata talmente affascinata dai suoi racconti che ho tanto desiderato recarmi in Costa d’Avorio e, nonostante questo periodo particolare, due settimane fa, con Peter, mio marito, che era già stato a Tabou, abbiamo intrapreso il viaggio. Ancora a San Pedro ci attendeva suor Bernadette ed ho fatto la sua conoscenza. Arrivati a Tabou, nella missione che noi chiamiamo “casa della luna” abbiamo incontrato suor Brigitte, suor Adele e le ragazze che vivono con loro e che aspirano a diventare suore. Per la prima volta ho conosciuto la Congregazione delle Missionarie dell’Incarnazione; nella sala d’ingresso è esposto un poster di Madre Carla Borgheri nel suo centenario; piena di commozione mi sono subito collegata al sito per leggere la storia affascinante di questa vita colma di santità e mi sono innamorata subito. Abbiamo soggiornato presso la missione e abbiamo potuto apprezzare la familiarità, la generosità e l’accoglienza delle care sorelle. In pochi giorni ho avuto l’occasione di vivere una grande spiritualità, condividendo con le suore i tanti momenti di preghiera. Ho avuto l’occasione di fare un piccolo ritiro spirituale, del quale avevo gran bisogno.

Sono rimasta impressionata dalla resistenza di queste Donne che pregano e lavorano senza tregua in condizioni difficili e in un clima (caldo assoluto) davvero ostico. Ho trascorso le mie giornate prevalentemente in compagnia di suor Bernadette che mi ha fatto conoscere il Parroco, il Curato e il Diacono. Inoltre mi ha messa in contatto con l’ambiente autentico; visitando la scuola infantile, alcune famiglie e vivendo della vita quotidiana dove le suore, in particolare suor Bernadette, sono il riferimento ed il “rifugio” per la povera gente del posto.

Le suore sono impegnatissime: l’intraprendente suor Bernadette a gestire la scuola, il personale, le ragazze, i conti (con grandi difficoltà di liquidità), una vera “macchina da guerra”; l’instancabile suor Brigitte con la gestione dei polli e del bestiame, una lavoratrice incallita e suor Adele, la mite; occupata nell’insegnamento a scuola e nelle attività in cucina. Ho conosciuto suor Carmela, in lei ho riconosciuto lo spirito missionario, le giovani suor Marina e suor Alida tutte alla “casa del sole” e anche da loro ho appreso la dedizione e l’amore per il prossimo, per tutti quei bambini abbandonati. Posso solo elogiare queste grandi Donne prima e brave Suore dopo.

Spero di ritornare nelle missioni di Tabou presto e per un tempo più prolungato, intanto custodisco tutte le sorelle nel mio cuore e le affido alla preghiera.

Elena Bertolotti

Testimone delle Suore Missionarie dell’Incarnazione

Ingresso in Noviziato di Odette Sengi

Pubblicato il: martedì 28 Settembre 2021

Il 20 settembre ultimo scorso è stato un giorno di grande emozione per la nostra comunità di Bingerville, in Costa d’Avorio, per un duplice motivo: Odette Sengi, originaria del Congo Kinshasa, ha celebrato il suo ingresso come novizia e lo ha fatto in presenza di tutti i membri della Comunità.

Una data, questa, importantissima per tutti noi in quanto coincide con la nascita al cielo, avvenuta 15 anni fa, della nostra cara Madre Carla, la mamma che ci ha amato di un amore infinito prendendosi cura di tutte noi, colei che ci ha dato le ali per volare e ci ha aiutate a rialzarci dopo ogni caduta. Ora è il nostro angelo custode e siamo più che certe che dalla finestra del paradiso continua a guardarci con amore e a vegliare su di noi, come solo una vera madre sa fare. Il suo sorriso, la sua energia, le sue parole continueranno a darci la forza di camminare sul suo esempio divenuto modello di grandi virtù che saranno un saldo punto di riferimento anche per la nuova novizia Odette. Fortunato chi ha avuto l’opportunità di conoscere una donna speciale come lei, ma noi abbiamo una certezza: chi ci ama non muore mai, poiché ci cammina accanto ogni giorno.

Sicuramente anche Odette avrà la fortuna di essere guidata, nel suo percorso spirituale, dal nostro angelo che ci guarda dall’alto, ci insegna ancora ad amare e custodisce la nostra anima nel suo cuore.

Galleria fotografica Bingerville

La nostra missione a Tabou

Pubblicato il: sabato 10 Luglio 2021

“Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il  mondo”

                               ( Malala Yousafzai, Premio Nobel per la Pace,Oslo 10 Dicembre 2014)

Non potevamo non citare le parole di Malala, alla luce del fatto che noi, Suore Missionarie della Casa Madre Anna di Tabou, viviamo fortemente l’impegno di garantire alle ragazze l’istruzione ed insegnare loro ad essere indipendenti. L’Istruzione è un valore assoluto, un bisogno primario, una delle benedizioni della vita. Le parole di Malala, pronunciate nel momento in cui riceve il premio, ci colpiscono profondamente: “Il Premio non è solo per me, è per tutti quei bambini dimenticati che chiedono istruzione”. Noi suore missionarie propagandiamo le stesse idee, con l’obiettivo di salvare dall’ignoranza, dalla tortura e da ogni forma di abuso migliaia di donne e di bambine che nel mondo soffrono di analoghe persecuzioni.

Vivendo nella città di Tabou, abbiamo constatato come a molte donne non sia data l’opportunità di imparare a leggere, scrivere e potersi esprimere in lingua francese; queste donne diventano madri precocemente e l’unica occupazione cui possono e devono dedicarsi è la preparazione del cibo quotidiano, cibo peraltro molto povero.

Ebbene sì, è stata proprio questa situazione locale che ci ha spinto a lavorare per l’emancipazione delle donne di etnia Kroumen, dando inizio ad un corso di alfabetizzazione e di formazione umana, morale, intellettuale e spirituale rivolto alle donne-madri di Sekrekré, villaggio ad una decina di chilometri dalla città di Tabou.

Stabilito il programma, abbiamo iniziato timidamente con venticinque donne divise in due classi, prevedendo due anni di corso organizzato come segue:
a) 1° anno, corso per donne analfabete;
b)  2° anno, corso per donne con una minima preparazione scolastica.

Le Responsabili, suor Bernadette e suor Brigitte, hanno operato con grande tenacia ed hanno  affrontato numerose difficoltà per riuscire a garantire loro il materiale didattico e tutto il necessario per iniziare questo percorso.

Le lezioni  si svolgevano solo la domenica dalle ore 15:00 alle ore 16:30. Dopo due mesi di  continue modifiche in itinere, dovute al numero di partecipanti che aumentava giorno per giorno, abbiamo raggiunto il numero di sessanta donne-allieve. Per circa quattro mesi sono stati usati, quali strumenti, la lavagna e il gesso e da aprile, grazie a piccoli progressi, si è  passati all’uso del quaderno “doppia riga” e della matita.

Il desiderio e la volontà fortemente manifestati, ci hanno spinte a procurare dei manuali al fine di consentire loro di studiare anche da casa. Con l’arrivo del periodo di vacanze scolastiche, al fine di aiutare le donne a non dipendere da altri, abbiamo insegnato loro a produrre il sapone liquido ed il sapone a pezzi, al fine di garantire loro l’indipendenza economica  ed evitare di trascorrere troppo tempo nell’inattività.

Sperando che queste donne possano mettere a frutto gli insegnamenti ricevuti, auspichiamo di poter condividere, per il prossimo anno, l’esperienza di Sékreké con le donne di Tabou.

A voi lettori, con grande affetto
Le Suore Missionarie di Tabou

Galleria fotografica Tabou